SCIRESA – Liquore alle ciliegie

  • instock
  • 01.LIQU.SC.070.30.

Liquore a base di Grappa di Moscato d’Asti invecchiata e succo naturale di ciliegia. Qui le ciliegie sono protagoniste due volte. Spremiamo il frutto intero e aggiungiamo l’infuso naturale di ciliegie amarene di montagna a tarda maturazione. Il tutto sposato ad una grappa di Moscato d’Asti affinata 18 mesi in barriques di Rovere di Allier. Con le ciliegie sciroppate è un dopo pasto delizioso. * fuori produzione dal 2017, disponibile fino ad esaurimento scorte  

Gradazione Formato
30 % vol. 70 cl
 

Price
30,00 

Descrizione


Il colore appare ambrato carico, con riflessi amaranto.
Al naso scopre un profumo pronunciato che rimanda alla ciliegia, in una buona corrispondenza naso-palato.
Il gusto è ricco e carico di note speziate dolci: vaniglia, noce moscata, chiodi di garofano e cannella.
La fine è un lungo e persistente ricordo di cacao amaro

Tags

La ciliegia, quel delizioso frutto che consumiamo ogni anno in periodo primaverile/estivo possiede tante proprietà e la sua gustosa polpa attira il palato dei più golosi che proprio non riescono a smettere di mangiarla. Al giorno d’oggi esistono più di 1000 tipologie diverse di ciliegie;
La storia ha molto da insegnarci su questo prodotto! Innanzitutto la parola ciliegia deriva dal greco kérasos come un antica città che oggi fa parte della Turchia Cerasunte o attualmente, Giresun.
Inoltre, nell’enciclopedia di Plinio il Vecchio ci sono delle fonti che indicano che i primi alberi di ciliegio furono importati a Roma nel 72 a.C. da Lucio Licinio Lucullo : i soldati romani usavano mangiare questi frutti durante le guerre e lasciavano cadere in terra i noccioli per permettere agli alberi di continuare a crescere.
Alcuni archeologici hanno dimostrato però, che le origini di questo albero sono ancora più antiche avendo trovato in alcune caverne europee dei noccioli fossilizzati risalenti all’età della pietra.
In italia al giorno d’oggi sono principalmente diffuse due categorie di ciliegie: i duroni, più grandi e scuri, e le tenerine, più chiare e piccole.