ACQUA D’ANGERA BARRICATA

  • instock
  • 01.GRAP.AB.050.43.

Grappa affinata ottenuta dalla distillazione di vinacce provenienti esclusivamente dalle uve raccolte nei vigneti dei “ronchi d’Angera”: Chardonnay, Nebbiolo, Croatina, Vespolina, Merlot e Barbera. È leggermente barricata grazie ad un passaggio di un anno in barriques di Rovere di Allier.  

Gradazione Formato
43 % 50 cl
 

Price
43,00  38,70 

Descrizione


Limpida, cristallina, color paglierino con riflessi ambrati.
Ha un profumo molto intenso, raffinato e armonico,
con eleganti sentori speziati e vanigliati.

Tags

Una grappa si definisce barricata quando subisce un’elevazione in barrique, ossia botti di rovere di 225 litri.
La barrique permette una notevole ossigenazione del prodotto che vi è contenuto. Essendo più piccola rispetto alle botti tradizionali possiede un rapporto migliore tra il volume della stessa e la superficie di contatto del prodotto posto al suo interno.
Il sapore dipende dalla porosità del legno dei fusti, dalle loro dimensioni e dall’umidità dei locali in cui è stata posta a invecchiare.

Nel 16° la provincia di Varese era rinomata per la produzione di eccellente vino che giungeva sulle tavole della signoria milanese. Nel 1800 moltissime viti subirono un grande colpo a causa della Filossera e la coltivazione calò drasticamente. Tuttavia, grazie alla passione e la caparbietà di diverse famiglie di produttori la vendita di questi vini continuò senza tregua fino ai giorni nostri.
I torchi visibitabili nella Rocca D’Angera e all’Eremo di Santa Caterina Del Sasso testimoniano questa tradizione enologica.
Il nome di questi vitigni deriva dal tipo di coltivazione a terrazzamenti (ronchi) diffusa nella provincia di Varese sin dai tempi di Carlo Borromeo. Nel 2005, a seguito del riconoscimento dell’Igp, si è assistito alla rinascita ufficiale della viticoltura in nome della qualità attraverso il recupero e l’ampliamento dei vigneti storici. In provincia di Varese vi sono attualmente una cinquantina i produttori, molti dei quali ancora impegnati in contesti familiari.